BlaBlaGym

Cerca
Close this search box.
Continua la nostra analisi, puramente numerica, della stagione agonistica internazionale 2023: oggi parliamo delle squadre!

Dopo avervi parlato delle individualiste, oggi a dare i numeri sono le squadre!

Ricordiamo che, come per le individualiste, questo piccolo studio si basa sulla classifica All Around del Mondiale di Valencia: per le squadre sono prese in considerazione le prime 20 classificate. Per quanto riguarda le gare, sono stati inseriti i punteggi dei circuiti di Gran Prix (Tartu, Marbella e Thiais), World Cup (Palaio Faliro, Sofia, Tashkent, Baku e Milano) e World Challenge Cup (Portimao e Cluj-Napoca). A questi si aggiungono i Campionati Continentali (Europei, d’Asia e Panamericani) e, infine, i Mondiali di Valencia.

Siete curiosi? Partiamo!

Foto: Ulrich Fassbender

La classifica All Around

Partiamo questa analisi con la media della classifica All Around, cioè quella determinata dalla somma dei punteggi dei 2 esercizi (5 cerchi e 3 palle / 2 nastri). Osservando la media dei punteggi All Around, si nota subito come Israele e Cina abbiano rispettato le aspettative, confermandosi come le due squadre più forti dell’anno. Nonostante gli alti e bassi, la Bulgaria ha comunque una media molto alta, che però non ha mantenuto al Mondiale, al contrario della Spagna, che ha decisamente dato il meglio di sé ai Mondiali.

Al centro della classifica, dall’Ucraina al Giappone, ben 10 squadre sono racchiuse in meno di 3 punti: il livello delle squadre era dunque molto simile, a fare la differenza è stata l’Esecuzione nelle singole competizioni e la capacità di completare in maniera pulita entrambi gli esercizi.

Media All Around – Analisi di BlaBlaGym

01🇨🇳 Cina68,19
02🇬🇷 Israele67,30
03🇮🇹 Italia65,39
04🇧🇬 Bulgaria64,89
05🇺🇦 Ucraina63,80
06🇵🇱 Polonia61,36
07🇪🇸 Spagna61,31
08🇧🇷 Brasile61,29
09🇫🇷 Francia61,19
10🇬🇷 Grecia60,94
11🇦🇿 Azerbaijan59,91
12🇩🇪 Germania59,59
13🇺🇿 Uzbekistan59,33
14🇲🇽 Messico58,57
15🇯🇵 Giappone58,54
16🇭🇺 Ungheria53,60
17🇰🇿 Kazakistan52,98
18🇺🇸 USA50,72
19🇨🇿 Rep. Ceca49,85
20🇫🇮 Finlandia47,71

Andiamo ora ad analizzare nel dettaglio l’andamento delle squadre, seguendo l’ordine della classifica AA di Valencia. Tra le prime cinque classificate del mondiale, non possiamo non notare la crescita molto regolare di Israele che, partendo già da un ottimo livello, non ha fatto che accrescere il proprio punteggio. Sia la Cina che l’Italia hanno invece avuto un picco nel corso dell’anno (la prima a Baku, la seconda a Cluj-Napoca), ma non hanno saputo ripetersi a Valencia. Notevolissima la ripresa della Spagna che, dopo un inizio anno turbolento, ha saputo fare del proprio meglio proprio a Valencia; così come l’Ucraina, che ha a sua volta eseguito la miglior performance dell’anno ai Mondiali.

Se ci spostiamo appena più in giù nella classifica, scopriamo quanto variabile sia stato l’andamento delle squadre nel corso dell’anno, e quanto fosse imprevedibile il risultato finale. Brasile e Polonia, dopo un inizio al top, hanno avuto un grave calo a metà stagione, riuscendo però a riprendersi in tempo per i Mondiali. Francia e Germania, al contrario, sono partite da punteggi molto più bassi, ma sono riuscite, pur con qualche intoppo, ad arrivare a risultati davvero sorprendenti. L’Azerbaijan mostra forse l’andamento più irregolare, dovuto in parte alle gare a cui ha partecipato la seconda squadra e in parte ai risultati, mai ripetuti nel resto della stagione, raggiunti in territorio casalingo.

Mentre la Grecia si differenzia per la sua notevole regolarità, è evidente come la Bulgaria abbia avuto una stagione molto difficile: eccetto per un ottimo momento agli Europei, il resto dell’anno è stato sicuramente al di sotto delle sue potenzialità. Anche il Giappone e il Messico hanno avuto una stagione di alti e bassi, anche se hanno avuto una netta ripresa per i mondiali; al contrario, l’Uzbekistan, che aveva iniziato l’anno in crescita, ha avuto un crollo proprio nell’ultima parte di stagione.

Infine, è facile notare che in questa ultima parte di classifica troviamo molte squadre che hanno avuto poche occasioni per gareggiare in campo internazionale. Prima tra tutte è sicuramente la Repubblica Ceca, che ha partecipato soltanto a Europei e Mondiali. Ungheria, Kazakistan e Stati Uniti hanno avuto un andamento estremamente variabile, al contrario della Finlandia, che nelle sue poche competizioni è riuscita a mantenersi costante e avere una netta crescita a Valencia.

La classifica ai 5 cerchi

A differenza delle individualiste, i dati relativi alle singole specialità delle squadre non si discostano di molto da quelle All Around. Nella media dei 5 cerchi, Israele, Cina e Italia staccano di netto le avversarie, con Brasile e Ucraina distanziate di ben 2 punti. Mentre il fondo classifica rimane pressoché invariato, il Giappone recupera qui qualche posizione, ai danni di Messico e Azerbaijan.

Media 5 cerchi – Analisi di BlaBlaGym

01🇮🇱 Israele35,63
02🇨🇳 Cina35,43
03🇮🇹 Italia35,34
04🇧🇷 Brasile33,10
04🇺🇦 Ucraina33,10
06🇧🇬 Bulgaria32,89
07🇪🇸 Spagna32,65
08🇫🇷 Francia32,11
09🇬🇷 Grecia32,09
10🇵🇱 Polonia31,94
11🇯🇵 Giappone31,29
12🇲🇽 Messico31,18
13🇦🇿 Azerbaijan31,17
14🇩🇪 Germania31,03
15🇺🇿 Uzbekistan30,35
16🇭🇺 Ungheria29,94
17🇰🇿 Kazakistan28,34
18🇺🇸 USA28,07
19🇨🇿 Rep. Ceca26,80
20🇫🇮 Finlandia26,78

Eccetto qualche iniziale difficoltà, Israele, Cina e Italia si sono mantenute piuttosto costanti in quest’esercizio, crescendo con regolarità nell’ultimo mese di gare. Al contrario, Ucraina e Brasile hanno avuto un andamento molto più irregolare, sebbene la seconda sia poi riuscita a sfiorare il podio di specialità a Valencia.

La classifica a palle/nastri

All’esercizio misto la media della Cina è nettamente prima, seguita a poca distanza da Israele e, un punto più indietro, da Bulgaria e Italia. Questo è stato nettamente l’esercizio di punta dell’Azerbaijan, che è valso loro anche il titolo europeo; al contrario, l’Ucraina ha avuto più difficoltà con il misto.

Media 3 Nastri 2 Palle – Analisi di BlaBlaGym

01🇨🇳 Cina32,09
02🇮🇱 Israele31,60
03🇧🇬 Bulgaria30,54
04🇮🇹 Italia30,18
05🇧🇷 Brasile29,38
06🇦🇿 Azerbaijan29,19
07🇫🇷 Francia29,18
08🇺🇦 Ucraina29,08
08🇪🇸 Spagna29,08
10🇵🇱 Polonia29,01
11🇬🇷 Grecia28,69
12🇺🇿 Uzbekistan28,50
13🇯🇵 Giappone28,11
14🇩🇪 Germania27,69
15🇲🇽 Messico27,34
16🇰🇿 Kazakistan26,19
17🇭🇺 Ungheria23,40
18🇨🇿 Rep. Ceca23,05
19🇺🇸 USA22,96
20🇫🇮 Finlandia20,83

Come con i cerchi, dopo un inciampo iniziale, Cina e Israele sono state molto regolari, con quest’ultimo che ha segnato il miglior punteggio di stagione proprio a Valencia. La Bulgaria ha invece avuto una continua serie di alti e bassi, mentre Italia e Brasile, dopo una pessima esecuzione a metà stagione, sono poi riuscite a riprendersi: tutte queste tre, però, hanno avuto un picco negativo proprio in occasione dei Mondiali.

Considerazioni finali: verso il 2024

Alla fine di una stagione tanto combattuta quanto sorprendente, il nostro pensiero non può non correre già alle Olimpiadi di Parigi: davanti a questi numeri, fare previsioni di qualsiasi tipo sembra veramente impossibile.

Sicuramente ci aspetta un’altra stagione imprevedibile: l’obiettivo di tutti sarà arrivare pronti a inizio agosto, quindi potremmo avere un inizio stagione più cauto e con degli equilibri tutti da rivedere per quando arriveremo all’estate. Una cosa è certa: non ci sarà tempo di annoiarsi!

6
 
Appassionata di sport per DNA, patita di ritmica per scelta.

Condividi

con WhatsApp
con Telegram

Commenti

Tratta tutti con rispetto e cortesia! Questo blog è soggetto a moderazione postuma. Netiquette
Pastorelli
1 Comment
Più recente
Meno recente Più votato
Inline Feedbacks
View all comments
Beatrice Vivaldi
2 mesi fa

Grazie Miriam per questa analisi dettagliata! Interessantissimo notare la generale instabilità delle squadre: ad eccezione di Israele e Spagna, in crescita quasi costante, tutte le altre hanno avuto ups&downs nella stagione. Le Olimpiadi saranno apertissime!